IMPRONTE 2022
10-22 Ottobre 2022 - Basilica di San Celso
Corso Italia 37, Milano
20200729_182638_edited_edited.jpg

NUOVO TESTO"Erbe, foglie, fiori, cortecce d’albero sono i soggetti delle opere di questa mostra. Un modo per interloquire con la Natura andando a cogliere gli aspetti meno eclatanti di un mondo vegetale che ci circonda e condivide il nostro quotidiano. Le ricerche di Remo Rachini e di Anna Roberti hanno in comune non solamente l’attenzione per il dettaglio e la curiosità per queste vite altre da noi, ma perseguono la sperimentazione di tecniche espressive che convergono nel fissare su carta o su sottili tessuti le impronte di quelle vite, di quelle storie. Ecco perché evoco il De rerum natura di Lucrezio per un’esposizione che intende proporre al visitatore una sorta di duplice approccio al mondo naturale che ha il sapore dell’evocazione di viaggi, ma che sono in realtà itinerari domestici, dei ricordi di una tarda estate, della ricerca di un senso, a tratti persino classificatorio, di una varietà di segni e di forme che costellano il nostro campo visivo persino per le strade delle città, tra i binari della ferrovia, lungo i marciapiedi, in un parco urbano, tra i campi incolti e tra le rovine. Un duplice percorso, quello proposto da Rachini e da Roberti, che è anche un richiamo alla responsabilità personale e un incitamento alle persone affinché prendano coscienza della realtà attraverso testimonianze e segni minuti."

 

Valerio Terraroli

ceraceramica 1 - candelabro_edited_edited.jpg
foto omeri 5 copia_edited_edited_edited_edited.jpg

Biografia degli artisti

BH8A4734-Modifica_edited.jpg

Adriana Albertini nasce a Brescia nel 1972, vive e lavora in Franciacorta (BS). Ha frequentato l’atelier di Silvia Zotta e attraverso la sua formazione da autodidatta ha raggiunto un livello qualitativo che le permette di seguire tutte le fasi di una tecnica complessa, utilizzando un’ampia gamma di materiali: dall’argilla classica fino alle terre refrattarie. Adriana Albertini si immerge nella società contemporanea registrandone le commistioni di linguaggi e le idiosincrasie che traduce nelle forme della ceramica invetriata.

autoritratto in forma d'albero_edited_edited.jpg

Fabio Frau nasce ad Oristano nel 1976. Frequenta l’Istituto d’Arte di Oristano e l’Accademia di Belle Arti di Sassari. Dal 2000 al 2008 si trasferisce a Torino dove studia i maestri dell’Arte Povera e Contemporanea e collabora con organizzazioni volte all’assistenza di pazienti psichiatrici come coordinatore dei laboratori artistici. Nel 2019 è tra i fondatori di IAS, Industrie Artistiche Sarde, organizzazione che valorizza la pratica progettuale, artigianale e artistica Sarda. Attualmente lavora e risiede a Cagliari.

salvi_edited_edited.jpg

Fausto Salvi (classe 1965) compie il suo percorso artistico viaggiando in tutto il mondo alla ricerca di spazi di collaborazione con artisti e studenti di altre culture. Da alcuni anni si è stabilito a Brescia, dove vive e lavora. Nel suo lavoro porta avanti tematiche di denuncia che indagano in particolar modo il rapporto tra uomo e natura. Nella sua produzione artistica utilizza spesso la ceramica, a volte contaminandola con materiali diversi. Alcuni suoi lavori sono conservati nelle raccolte dei Musei Civici di Palazzo Ducale a Pesaro.

IMG_20220618_193011_666_edited_edited.jpg

Livio Scarpella nasce nel 1969 a Ghedi dove vive e lavora. Termina gli studi di scultura all’Accademia di Brera nel 1990 e inizia l’attività espositiva nel 1993 vincendo il premio S. Carlo Borromeo alla Permanente di Milano. Nel 2004 il Senato della Repubblica Italiana ha acquisito una sua scultura per la collezione permanente di Palazzo Madama a Roma. Nel 2013 realizza, su commissione ufficiale dello Stato italiano, due sculture rappresentanti San Bartolomeo e Sant’Andrea da inserire nelle nicchie all’interno della Cattedrale di Noto.

foto artista_edited_edited.jpg

Remo Rachini è nato a Cortona nel 1954, vive e lavora a Milano. Compie gli studi artistici all’Accademia di Belle Arti di Roma e si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera. La sua indagine delle potenzialità della materia organica lo ha portato a risultati significativi nell’ambito del disegno, della ceramica e del mosaico in vetro. È professore a contratto di Disegno Archeologico presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e inoltre collabora con Università, Soprintendenze e Musei in tutta Italia.

Eventi in programma

Impronte

CONTATTI

Per qualsiasi informazione

© 2021 by Accapierre - Louis Samuel Andreotta